Voucher Innovation Manager: secondo elenco di domande finanziabili

16 Marzo 2020 | Incentivi

Visto il boom di domande inviate in un solo giorno per richiedere i Voucher Innovation Manager, il MISE ha aggiunto 46 milioni di euro in più per le imprese. Approvato il secondo elenco di soggetti ammessi.

Il Voucher Innovation Manager è il contributo a fondo perduto per l’acquisto di prestazioni consulenziali finalizzate a sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.

Il Decreto attuativo del 7 maggio 2019 aveva fissato i requisiti generali per accedere al voucher. Il contributo è rivolto alle PMI e alle reti di imprese che hanno assunto risorse manageriali per favorire processi di digitalizzazione, l’Innovation Manager appunto. Il contratto di rete dovrebbe prevedere un minimo di tre imprese.

Il voucher è diversificato in base alla tipologia di impresa che ne fa richiesta:

  • per le micro e piccole imprese il contributo è pari al 50% dei costi sostenuti ed entro il limite massimo di 40mila euro,
  • per le medie imprese è del 30% entro il limite massimo di 25mila euro,
  • nel caso dei contratti di rete il voucher è del 50% entro il limite massimo di 80mila euro.

Le spese ammissibili al contributo devono essere sostenute a titolo di compenso per le prestazioni di consulenza specialistica rese da un manager dell’innovazione qualificato, indipendente e inserito temporaneamente, con un contratto di consulenza di durata non inferiore a nove mesi, nella struttura organizzativa dell’impresa o della rete.

Spese che devono indirizzare e supportare i processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale attraverso l’applicazione di una o più delle seguenti tecnologie abilitanti:

  • big data e analisi dei dati;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security;
  • integrazione delle tecnologie della Next Production Revolution (NPR) nei processi aziendali, anche e con particolare riguardo alle produzioni di natura tradizionale;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • prototipazione rapida;
  • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);
  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa tridimensionale;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
  • programmi di digital marketing, quali processi trasformativi e abilitanti per l’innovazione di tutti i processi di valorizzazione di marchi e segni distintivi (il cosiddetto “branding”) e sviluppo commerciale verso mercati;
  • programmi di open innovation.

Non solo. I voucher coprono anche una tipologia ben diverse di spesa, per consulenze volte ad orientare i processi di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali, attraverso:

  • l’applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali, nelle strategie di gestione aziendale, nell’organizzazione del luogo di lavoro, a condizione che comportino un significativo processo di innovazione organizzativa dell’impresa;
  • l’avvio di percorsi finalizzati alla quotazione su mercati regolamentati o non regolamentati, alla partecipazione al Programma Elite, all’apertura del capitale di rischio a investitori indipendenti specializzati nel private equity o nel venture capital, all’utilizzo dei nuovi strumenti di finanza alternativa e digitale quali, a titolo esemplificativo, l’equity crowdfunding, l’invoice financing, l’emissione di minibond.

In base al decreto direttoriale approvato il 25 settembre dal MISE, le risorse a disposizione dei Voucher Innovation Manager per il 2019 e il 2020 ammontavano a 50 milioni di euro. Dall’elenco delle domande finanziabili 1.784 ne erano rimaste escluse. Per finanziarle, il Ministero a gennaio 2020 ha deciso di stanziare altri 46 milioni di euro per i voucher per consulenza in innovazione a favore di micro, PMI e reti di imprese. Il 9 marzo è stato approvato il secondo elenco di domande ammissibili al voucher a seguito del rifinanziamento. Entro 6° gg. si dovranno stipulare i contratti e avviare le attività.


Potrebbe Interessarti

La Cina preferisce la moda Made In Italy

La Cina preferisce la moda Made In Italy

L’Italia segna un primato storico nelle sue relazioni commerciali con la Cina nell’ambito del fashion. Secondo i dati forniti da Ice Pechino, e relativi al primo semestre dell’anno (gennaio-giugno 2021), la Cina ha aumentato del 46% le importazioni di articoli di...

Interwine. Euroconsult porta il vino italiano in Cina

Interwine. Euroconsult porta il vino italiano in Cina

La Euroconsult offre alle aziende interessate la possibilità di partecipare alla fiera internazionale INTERWINE che si terrà 28 al 30 ottobre 2021 a Shenzhen (Cina) e alle successive edizioni del 2022. Giunta alla ventisettesima edizione, la più grande fiera cinese...

Simest. Riapertura dei bandi il 28 ottobre

Simest. Riapertura dei bandi il 28 ottobre

Tra le notizie più attese, a seguito della disponibilità di risorse inserite all’interno del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), c’era sicuramente la riapertura dei bandi Simest. E così è stato. Dalle ore 9:30 del 28 ottobre infatti, le imprese potranno...

Contattaci per maggiori informazioni

Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Sede di Enna

Via Roma n. 93 – 94100 Enna IT
tel / fax + 39 0935 22599
+ 39 333 1818674
+ 39 334 1275478

Sede di Shanghai

Room 312, 3th floor, Block 6, No. 631 Jiangning Road
Jing’an District
Shanghai – China
上海市静安区江宁路631号6号楼3楼312室

Seguici su
Email

info@euroconsultsicilia.eu