EIT cerca 20 startup e scaleup per guidare il cambiamento sostenibile

15 Novembre 2021 | Informazioni

L’European Institute of Innovation and Technology (EIT) e cinque delle sue Knowledge & Innovation Communities lanciano un’iniziativa congiunta per supportare progetti e team innovativi che permetteranno la trasformazione del nuovo Bauhaus europeo.

La campagna prende il nome di EIT Community Booster ed è coordinata da EIT Digital, in sinergia con le community EIT Climate-KIC, EIT Food, EIT Manufacturing e EIT Urban Mobility. Insieme, sono alla ricerca delle startup e delle scaleup più innovative che guidino il cambiamento sostenibile per città, industrie, clima, cibo, benessere e qualità della vita, per supportare la crescita del loro business e aiutarle a diventare realtà che fanno realmente la differenza a livello internazionale.

Le domande possono essere inoltrate entro il 17 dicembre. Per ulteriori informazioni su ciascun programma, criteri di selezione e premi si prega di visitare il sito web dell’iniziativa a questo link. Le venti società selezionate che aderiranno all’iniziativa riceveranno un sostegno per la crescita e il successo delle loro imprese del valore di 50.000 euro, sotto forma di sovvenzioni e servizi.

Il nuovo Bauhaus europeo è un programma dell’Unione Europea che ha l’ambizione di innovare architettura, sostenibilità e design in modo simile a come fece la Bauhaus fondata nel 1919 durante la repubblica di Weimar in Germania, i cui effetti echeggiarono in tutta l’Europa del ventesimo secolo anche dopo lo scioglimento avvenuto nel 1933 ad opera del regime nazista. La Bauhaus del novecento riuscì a combinare arte e praticità, la nuova Bauhaus si fonda sulla sostenibilità, l’inclusività e l’estetica, ponendo al centro della vita quotidiana il riciclaggio, le energie rinnovabili e la biodiversità.

“Voglio che NextGenerationEU faccia partire un’ondata di ristrutturazioni in tutta Europa e renda l’Unione capofila dell’economia circolare. Ma non è solo un progetto ambientale o economico: dev’essere un nuovo progetto culturale europeo – ha affermato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, presentando il progetto –. Il movimento calza perfettamente anche con il Green Deal europeo che si impregna entro il 2050 a far diventare l’Europa primo continente mondiale a impatto climatico zero”.

Le difficoltà che la nuova Bauhaus si trova ad affrontare sono notevolmente cambiate dalla Bauhaus di Weimar: cambiamenti climatici, inquinamento, digitalizzazione e un’esplosione demografica che secondo le previsioni farà aumentare la popolazione mondiale fino a 10 miliardi di persone entro la metà del secolo.

Inoltre la nuova Bauhaus europea gode della grande tendenza rivoluzionaria del nostro secolo: la digitalizzazione. In futuro, le case, gli insediamenti e le città funzioneranno meglio grazie al loro “gemello digitale”. Le simulazioni informatiche consentiranno infatti di migliorare le scelte progettuali in termini di efficienza delle risorse, riutilizzabilità o impatto sull’ambiente e sul clima locale.

I prossimi due anni vedranno nascere i cinque progetti iniziali del Bauhaus europeo in diversi paesi dell’Unione. Tutti saranno improntati alla sostenibilità, ciascuno con una sfumatura diversa: i loro temi spazieranno dai materiali da costruzione naturali all’efficienza energetica, dalla demografia alla mobilità orientata al futuro o all’innovazione digitale efficiente sotto il profilo delle risorse, ma sempre in combinazione con la cultura e l’arte. Questi laboratori creativi e sperimentali, autentici punti di attracco per le industrie europee, costituiranno il punto di partenza di una rete europea e mondiale che punterà a massimizzare l’impatto economico, ecologico e sociale.

Potrebbe Interessarti

Investimenti innovativi delle imprese agricole

Investimenti innovativi delle imprese agricole

L’articolo 1, comma 123, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022) ha istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico un apposito...

1,2 miliardi per i contratti di filiera

1,2 miliardi per i contratti di filiera

È stato pubblicato il V bando per i Contratti di Filiera del settore agroalimentare, come da decreto firmato dal Ministro delle Politiche Agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli lo scorso dicembre. La misura è finanziata dal fondo degli...

Made in Italy: vola anche la cosmetica

Made in Italy: vola anche la cosmetica

La cosmetica italiana chiude il 2021 con un fatturato in crescita del 9,9%, con numeri che sfiorano i 12 miliardi di euro. In risalita anche l’export, oltre quota 4,8 miliardi (+13,8%) e il mercato della cosmesi domestica (+8,8%). I dati sono stati forniti dal Centro...

Contattaci per maggiori informazioni

Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Sede di Enna

Via Roma n. 93 – 94100 Enna IT
tel / fax + 39 0935 22599
+ 39 333 1818674
+ 39 334 1275478

Sede di Shanghai

Room 312, 3th floor, Block 6, No. 631 Jiangning Road
Jing’an District
Shanghai – China
上海市静安区江宁路631号6号楼3楼312室

Seguici su
Email

info@euroconsultsicilia.eu