EIT cerca 20 startup e scaleup per guidare il cambiamento sostenibile

15 Novembre 2021 | Informazioni

L’European Institute of Innovation and Technology (EIT) e cinque delle sue Knowledge & Innovation Communities lanciano un’iniziativa congiunta per supportare progetti e team innovativi che permetteranno la trasformazione del nuovo Bauhaus europeo.

La campagna prende il nome di EIT Community Booster ed è coordinata da EIT Digital, in sinergia con le community EIT Climate-KIC, EIT Food, EIT Manufacturing e EIT Urban Mobility. Insieme, sono alla ricerca delle startup e delle scaleup più innovative che guidino il cambiamento sostenibile per città, industrie, clima, cibo, benessere e qualità della vita, per supportare la crescita del loro business e aiutarle a diventare realtà che fanno realmente la differenza a livello internazionale.

Le domande possono essere inoltrate entro il 17 dicembre. Per ulteriori informazioni su ciascun programma, criteri di selezione e premi si prega di visitare il sito web dell’iniziativa a questo link. Le venti società selezionate che aderiranno all’iniziativa riceveranno un sostegno per la crescita e il successo delle loro imprese del valore di 50.000 euro, sotto forma di sovvenzioni e servizi.

Il nuovo Bauhaus europeo è un programma dell’Unione Europea che ha l’ambizione di innovare architettura, sostenibilità e design in modo simile a come fece la Bauhaus fondata nel 1919 durante la repubblica di Weimar in Germania, i cui effetti echeggiarono in tutta l’Europa del ventesimo secolo anche dopo lo scioglimento avvenuto nel 1933 ad opera del regime nazista. La Bauhaus del novecento riuscì a combinare arte e praticità, la nuova Bauhaus si fonda sulla sostenibilità, l’inclusività e l’estetica, ponendo al centro della vita quotidiana il riciclaggio, le energie rinnovabili e la biodiversità.

“Voglio che NextGenerationEU faccia partire un’ondata di ristrutturazioni in tutta Europa e renda l’Unione capofila dell’economia circolare. Ma non è solo un progetto ambientale o economico: dev’essere un nuovo progetto culturale europeo – ha affermato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, presentando il progetto –. Il movimento calza perfettamente anche con il Green Deal europeo che si impregna entro il 2050 a far diventare l’Europa primo continente mondiale a impatto climatico zero”.

Le difficoltà che la nuova Bauhaus si trova ad affrontare sono notevolmente cambiate dalla Bauhaus di Weimar: cambiamenti climatici, inquinamento, digitalizzazione e un’esplosione demografica che secondo le previsioni farà aumentare la popolazione mondiale fino a 10 miliardi di persone entro la metà del secolo.

Inoltre la nuova Bauhaus europea gode della grande tendenza rivoluzionaria del nostro secolo: la digitalizzazione. In futuro, le case, gli insediamenti e le città funzioneranno meglio grazie al loro “gemello digitale”. Le simulazioni informatiche consentiranno infatti di migliorare le scelte progettuali in termini di efficienza delle risorse, riutilizzabilità o impatto sull’ambiente e sul clima locale.

I prossimi due anni vedranno nascere i cinque progetti iniziali del Bauhaus europeo in diversi paesi dell’Unione. Tutti saranno improntati alla sostenibilità, ciascuno con una sfumatura diversa: i loro temi spazieranno dai materiali da costruzione naturali all’efficienza energetica, dalla demografia alla mobilità orientata al futuro o all’innovazione digitale efficiente sotto il profilo delle risorse, ma sempre in combinazione con la cultura e l’arte. Questi laboratori creativi e sperimentali, autentici punti di attracco per le industrie europee, costituiranno il punto di partenza di una rete europea e mondiale che punterà a massimizzare l’impatto economico, ecologico e sociale.

Potrebbe Interessarti

PNRR – Progetti faro di economia circolare

PNRR – Progetti faro di economia circolare

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con il D.M. del 6 agosto 2021 recante “Assegnazione delle risorse finanziarie previste per l’attuazione degli interventi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e ripartizione di traguardi”, ha assegnato al...

Il vino italiano all’estero: alcuni dati

Il vino italiano all’estero: alcuni dati

Nei primi sette mesi del 2021 le esportazioni italiane di vino hanno registrato un +14,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e un +10,7% rispetto ai primi sette mesi del 2019. Le vendite sono diminuite del 4% nel 2020 a causa della pandemia....

Cina, dal 2022 nuove regole per l’export alimentare

Cina, dal 2022 nuove regole per l’export alimentare

La sicurezza alimentare in Cina è un argomento sempre più rilevante tanto che la nazione è sempre più votata all'innalzamento negli standard dei controlli sia per gli alimenti nazionali che esteri. All’orizzonte si profilano infatti due nuovi regolamenti, 248 e 249,...

Contattaci per maggiori informazioni

Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Sede di Enna

Via Roma n. 93 – 94100 Enna IT
tel / fax + 39 0935 22599
+ 39 333 1818674
+ 39 334 1275478

Sede di Shanghai

Room 312, 3th floor, Block 6, No. 631 Jiangning Road
Jing’an District
Shanghai – China
上海市静安区江宁路631号6号楼3楼312室

Seguici su
Email

info@euroconsultsicilia.eu