USA. La nuova frontiera dell’agroalimentare

21 Settembre 2021 | Informazioni

Dopo l’accordo siglato lo scorso 15 giugno tra Stati Uniti ed Unione Europea dove si è deciso di sospendere, per i prossimi cinque anni, le tariffe reciprocamente imposte nell’ottobre 2019 nel contesto della controversia Airbus-Boeing, che durava da oltre 17 anni, le imprese esportatrici italiane possono brindare alla svolta. Si tratta di un provvedimento atteso in particolar modo dalle aziende del settore agroalimentare che mette così in salvo una lunga lista di specialità che, da ottobre 2019 a febbraio 2021, hanno subito dazi aggiuntivi del 25% sulle vendite verso gli Stati Uniti.

Gli USA rappresentano il principale mercato di sbocco per il food & beverage italiano al di fuori dei confini comunitari con un valore di circa 4.8 miliardi di euro nel 2020. Nonostante il calo tendenziale dell’export nel primo trimestre di quest’anno (-6% rispetto al corrispondente periodo del 2020), i dati ExportPlanning sul secondo trimestre stimano un incremento del 14% per la domanda americana di prodotti italiani, mostrando quindi un netto recupero sui valori pre-pandemici e continuando lungo il trend di forte crescita iniziato nel 2010.

Analizzando la dinamica tendenziale delle vendite negli Stati Uniti, si evince come la loro performance sia caratterizzata da una discreta omogeneità a livello geografico, mostrando risultati più o meno in linea sull’intero territorio americano. Ciò è riportato nel grafico di seguito, che mostra la dinamica della esportazioni italiane di prodotti alimentari verso gli USA, dal I trimestre 2020 al II trimestre 2021.

Nel secondo trimestre del 2021 importanti incrementi dell’export si registrano soprattutto verso gli stati federali posizionati a Sud e sulla East Coast, con vendite che segnano rispettivamente aumenti del 61.4% e del 46.6% rispetto al corrispondente periodo del 2020. Anche le esportazioni italiane verso il Midwest viaggiano su simili ritmi di crescita (+45%), rafforzando la propria tendenza positiva già evidente nel corso dei due trimestri precedenti. Più contenuto l’aumento delle esportazioni verso gli stati dell’Ovest (+11%), che tuttavia incontrano, nell’arco del 2020, il calo meno brusco: soltanto nel III trimestre dello scorso anno esse registrano, infatti, una variazione col segno meno, soprattutto grazie al sostegno dalla domanda californiana.

In merito alle destinazioni geografiche dell’export, le variazioni più vivaci sono state registrate nel New Jersey, che conferma la sua leadership in quanto primo importatore di agroalimentare italiano, seguito da Pennsylvania e California. Segnali piuttosto incoraggianti arrivano anche dai dati relativi al commercio con gli stati del Sud: fra i primi sei mesi del 2021 ed il corrispondente periodo del 2019, le esportazioni del Belpaese verso TexasGeorgiaTennessee e Florida sono aumentate rispettivamente di 532821 e 19 milioni di euro, dimostrando una particolare dinamicità nel contesto nazionale. La maggiore flessione si registra invece nell’Ohio, con un valore di importazioni diminuito di 7 milioni rispetto al 2019, mentre decrementi più contenuti vengono riportati ad Ovest (Washington ed Oregon) e a Nord-Est (Vermont, New Hampshire, Connecticut).

Fra i prodotti protagonisti delle vendite oltreoceano, vinoolio e formaggi sono i più amati dai consumatori americani. A trainare l’export sono i vini fermi (1.2 miliardi di euro nel 2019), diffusi in modo omogeneo sull’intero territorio, seguiti dallo spumante (404 milioni di euro), apprezzato in particolar modo da Pennsylvania e Hawaii (è importante ricordare che i dazi USA in vigore da Ottobre 2019 non hanno riguardato i vini italiani, rimasti fuori dalla disputa commerciale, a differenza di quelli francesi e spagnoli). Al terzo e quarto posto troviamo rispettivamente olio d’oliva (344 milioni di euro) e formaggi (296 milioni di euro). Di questi ultimi, circa i due terzi del totale esportato sono diretti nel New Jersey, primo importatore di prodotti caseari italiani. Tra gli altri beni, vale la pena menzionare la domanda di pasta di grano duro da parte di Illinois e Virginia, che nel 2019 ha toccato un massimo storico per entrambi gli stati (pari rispettivamente a 20 e 12 milioni di euro), e quella di cioccolata nel New Hampshire.

Degni di nota sono infine i settori merceologici che, nel primo semestre di quest’anno, hanno mostrato i ritmi di crescita più significativi. Fra questi troviamo:

  • il comparto dei dolci e dolciumi(+80% rispetto al primo semestre del 2019): in particolare, l’export di gelati verso la Pennsylvania è passato dai 2 ai 17 milioni di euro;
  • il comparto dei biscotti e prodotti da forno (+73%), con le esportazioni di cialde e cialdine che toccano il massimo storico di 30 milioni di euro;
  • il comparto della carnee del pesce (+60%): le vendite di carne di suini in New Jersey sono più che raddoppiate in due anni (da 18 a 42 milioni di euro)

FONTE: BPER ESTERO

 

Potrebbe Interessarti

Vini italiani, un trend in crescita

Vini italiani, un trend in crescita

Il 18 ottobre prossimo, nel corso del Vinitaly Special Edition che si terrà a Verona, sarà presentata da IRI una ricerca sul consumo di vino nei primi 9 mesi del 2021. IRI, il più grosso centro di analisi di mercato nel mondo, ha già inviato una preview del rapporto...

Bandi Simest: novità per lo sportello del 28 ottobre

Bandi Simest: novità per lo sportello del 28 ottobre

Il Fondo 394 per l’internazionalizzazione delle imprese gestito da Simest in convenzione con il Maeci (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale), presenta delle novità rispetto a quanto previsto inizialmente fino a qualche settimana fa. Il...

Contattaci per maggiori informazioni

Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Sede di Enna

Via Roma n. 93 – 94100 Enna IT
tel / fax + 39 0935 22599
+ 39 333 1818674
+ 39 334 1275478

Sede di Shanghai

Room 312, 3th floor, Block 6, No. 631 Jiangning Road
Jing’an District
Shanghai – China
上海市静安区江宁路631号6号楼3楼312室

Seguici su
Email

info@euroconsultsicilia.eu