PNRR – Progetti faro di economia circolare

24 Novembre 2021 | Informazioni

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con il D.M. del 6 agosto 2021 recante “Assegnazione delle risorse finanziarie previste per l’attuazione degli interventi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e ripartizione di traguardi”, ha assegnato al Ministero della Transizione Ecologica (MITE) 600 milioni di euro per la realizzazione di progetti “faro” di economia circolare per filiere industriali strategiche, da affidare a soggetti privati mediante procedure di evidenza pubblica (Investimento 1.2, Missione 2, Componente 1 del PNRR).

In attuazione di tale normativa, il MITE ha emanato i primi decreti e bandi attuativi del PNRR, tra cui il D.M. 28 settembre 2021 n. 397 e i relativi Avvisi, che definiscono i criteri di selezione per i progetti relativi a raccolta differenziata, impianti di riciclo e iniziative “flagship” di economia circolare per le filiere di carta e cartone, plastiche, apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE e tessili.

In particolare, nei settori produttivi sopra indicati (elettronica e ICT, carta e cartone, plastiche, tessili) verranno finanziati progetti che promuovono l’utilizzo di tecnologie e processi ad alto contenuto innovativo, anche attraverso l’organizzazione in forma di “distretti circolari”, in modo da assicurare una maggiore resilienza e indipendenza del sistema produttivo nazionale, contribuendo, altresì, al raggiungimento degli obiettivi di economia circolare, incremento occupazionale e impatto ambientale.

La dotazione finanziaria per ciascuna Linea di Intervento è così ripartita:

-Linea di intervento A: 150.000.000;

-Linea di intervento B 150.000.000;

-Linea di intervento C 150.000.000;

Linea di intervento D 150.000.000.

Il 60 % delle risorse, pari a 360 milioni di euro è destinato alle Regioni del Centro Sud: Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Molise, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna.

Per ciascuna Linea d’Intervento, pertanto, sono previsti due distinti plafond destinati:

  • alle Regioni del Centro Sud è destinato il 60% delle risorse complessive previste per la rispettiva Linea d’Intervento;
  • alle Regioni del Nord il restante 40% delle risorse disponibili.

Come anticipato, tra i criteri di valutazione delle proposte delle imprese, ai sensi dell’Allegato 1 al citato D.M. n. 397, è prevista la creazione/sviluppo di network e/o “distretti circolari”, che consentano di realizzare forme di integrazione orizzontale e/o verticale tra imprese mediante soluzioni di rete finalizzate all’ottimizzazione della filiera di raccolta – logistica e riciclo/riutilizzo del rifiuto.

A questo scopo, gli Avvisi (art. 4) includono tra i “Soggetti Destinatari” delle risorse anche le imprese che hanno sottoscritto un Contratto di Rete o altre forme contrattuali di collaborazione (es. consorzi).

Viene inoltre precisato che le suddette forme “devono prevedere una concreta collaborazione che sia stabile e coerente rispetto all’articolazione delle attività, espressamente finalizzata alla realizzazione della Proposta presentata.”

Sempre con riferimento ai requisiti del contratto di collaborazione, quest’ultimo deve prevedere:

  1. la suddivisione delle competenze, dei costi e delle spese a carico di ciascun partecipante;
  2. la definizione degli aspetti relativi alla proprietà e all’utilizzo dell’Intervento realizzato;
  3. l’individuazione del soggetto capofila, che agisce in veste di mandatario dei partecipanti, attraverso il conferimento da parte dei medesimi, con atto pubblico o scrittura privata autenticata, di un mandato collettivo con rappresentanza per tutti i rapporti con il MiTE.

Infine, nel caso di presentazione di una proposta da parte di una Rete di imprese, le singole imprese ad essa aderenti non potranno presentare una proposta in forma autonoma. Qualora vi fosse la presentazione di una Proposta autonoma da parte di un soggetto destinatario, “la Proposta presentata dalla Rete di Imprese o altra forma contrattuale di collaborazione sarà l’unica che potrà essere ammessa alla successiva fase di valutazione.”

Per approfondimenti sulle misure si rinvia alla pagina dedicata del sito MITE.

Potrebbe Interessarti

Il vino italiano all’estero: alcuni dati

Il vino italiano all’estero: alcuni dati

Nei primi sette mesi del 2021 le esportazioni italiane di vino hanno registrato un +14,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e un +10,7% rispetto ai primi sette mesi del 2019. Le vendite sono diminuite del 4% nel 2020 a causa della pandemia....

Cina, dal 2022 nuove regole per l’export alimentare

Cina, dal 2022 nuove regole per l’export alimentare

La sicurezza alimentare in Cina è un argomento sempre più rilevante tanto che la nazione è sempre più votata all'innalzamento negli standard dei controlli sia per gli alimenti nazionali che esteri. All’orizzonte si profilano infatti due nuovi regolamenti, 248 e 249,...

Contattaci per maggiori informazioni

Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Sede di Enna

Via Roma n. 93 – 94100 Enna IT
tel / fax + 39 0935 22599
+ 39 333 1818674
+ 39 334 1275478

Sede di Shanghai

Room 312, 3th floor, Block 6, No. 631 Jiangning Road
Jing’an District
Shanghai – China
上海市静安区江宁路631号6号楼3楼312室

Seguici su
Email

info@euroconsultsicilia.eu