IFS Food, ecco la versione 7: tutte le novità

13 Dicembre 2021 | Informazioni

IFS Food Versione 7 (V.7) è stata pubblicata ad Ottobre 2020 e resa obbligatoria per tutte le aziende dal 1 Luglio 2021 data in cui è stata definitivamente dismessa la Versione 6.1 (V. 6.1) dello Standard. IFS Food è uno Standard Internazionale, riconosciuto dal Global Food Safety Initiative (GFSI), per la valutazione della conformità dei prodotti e dei processi in relazione alla sicurezza e alla qualità degli alimenti, con l’obiettivo di valutare se le attività di processo di un produttore sono in grado di realizzare un prodotto sicuro, legale e conforme alle specifiche dei clienti. Ciò rappresenta un metodo di valutazione condiviso a livello Internazionale per qualificare e selezionare i fornitori di prodotti alimentari. IFS Food è applicabile ai produttori di prodotti alimentari e può essere utilizzato esclusivamente per le aziende di trasformazione alimentare e/o per le aziende che confezionano prodotti alimentari sfusi.

La versione 7 facilita l’utilizzo dello standard e pone una maggiore chiarezza sulle aspettative degli auditor.

Di seguito sono elencati i principali cambiamenti apportati rispetto alla V. 6.1:

  • la valutazione in sito avrà più peso rispetto alla documentazione, che non perde comunque di importanza. La durata minima di ispezione del sito passa dal 33% al 50% del tempo di audit. I criteri per effettuare eventuali riduzioni (min. 33%) sono indicati nella dottrina IFS Food, che ricordiamo fornire regole aggiuntive e chiarimenti circa l’interpretazione di alcuni requisiti IFS Food;
  • l’Assessment diventa una valutazione per evidenziare l’approccio di prodotto e di processo dell’IFS in linea con la norma ISO/IEC 17065:2012;
  • struttura migliorata, adattata alle esigenze degli stakeholder di IFS;
  • inserimento della Cultura della Sicurezza alimentare nella Checklist di Assessment;
  • utilizzo di una Checklist allineata ai più recenti requisiti di benchmarking GFSI versione 2020.1, FSMA e regolamenti UE;
  • riduzione del 15% del numero dei requisiti rispetto alla versione precedente (alcuni dei quali accorpati);
  • sistema di punteggio migliorato e meglio definito. Il nuovo sistema ha, come scopo, quello di rendere più immediata la comprensione delle criticità e guidare il miglioramento continuo dell’azienda;
  • una migliore struttura e facilità di utilizzo del rapporto di Assessment;
  • ogni tre Assessment di certificazione, uno è non annunciato. Ciò implica che almeno ogni tre anni la valutazione IFS dovrà essere senza preavviso. A tal proposito, sul certificato rilasciato all’azienda verrà indicata l’ultima valutazione IFS non annunciata, con lo scopo di rendere ancora più trasparente la storia delle certificazioni dell’azienda in oggetto;
  • il GLN (Global location number) diventa obbligatorio per le aziende ubicate nello Spazio Economico Europeo (SEE) e del Regno Unito. GLN è un numero identificativo composto da 13 cifre e fa parte dei sistemi standard GS1. È indispensabile quindi per il rilascio del certificato IFS Food V.7 sul quale dovrà, infine, essere indicato.

Le aziende che scelgono di seguire l’iter per la certificazione IFS Food adottano l’approccio IFS basato sul rischio, che consente valutazioni individuali del rischio e crea un focus sulle aree importanti per i processi unici aziendali. Inoltre, il sistema di punteggio adottato da IFS V.7 permette all’azienda valutata di migliorare ulteriormente le proprie prestazioni, in termini di qualità e sicurezza del prodotto. Implementando i requisiti IFS, le aziende migliorano i loro processi riducendo sprechi e costi relativi a reclami e richiami. Nel mercato globale le aziende certificate IFS sono sinonimo di affidabilità, fiducia, sicurezza e qualità. Dimostrando di soddisfare continuamente le aspettative del cliente, le aziende certificate IFS tendono a mantenere i clienti esistenti, ne acquisiscono di nuovi e incrementano le vendite.

Fonte: https://studio-santoro.it/

Potrebbe Interessarti

Bonus Mezzogiorno: prorogati i termini

Bonus Mezzogiorno: prorogati i termini

Prorogato il credito d’imposta per gli investimenti effettuati nel Mezzogiorno. Il bonus può essere utilizzato per l’acquisto, anche mediante canoni di locazione, di macchinari, impianti e attrezzature destinati a migliorare strutture produttive esistenti o nuove,...

Voucher da 5.000 euro per le imprese edili

Voucher da 5.000 euro per le imprese edili

Seconda call del progetto europeo METABUILDING, che si pone l’obiettivo di sostenere concretamente, con fondi e servizi dedicati, l’innovazione e la collaborazione intersettoriale nella filiera delle costruzioni, per dare alle PMI l’opportunità di partecipare da...

Contattaci per maggiori informazioni

Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Sede di Enna

Via Roma n. 93 – 94100 Enna IT
tel / fax + 39 0935 22599
+ 39 333 1818674
+ 39 334 1275478

Sede di Shanghai

Room 312, 3th floor, Block 6, No. 631 Jiangning Road
Jing’an District
Shanghai – China
上海市静安区江宁路631号6号楼3楼312室

Seguici su
Email

info@euroconsultsicilia.eu