Riserva di adeguamento alla Brexit

30 Novembre 2022 | agevolazioni, Informazioni

Nell’accordo di cooperazione firmato a fine dicembre 2020 – The EU-UK Trade and Cooperation Agreement – sono state introdotte, a partire dal 1° gennaio 2021, una serie di barriere al commercio in relazione ai benefici forniti dal mercato unico. La Brexit, pertanto, sta rivoluzionando il commercio e l’Italia è tra i Paesi UE che più stanno subendo questo mutamento.

Infatti, da quando il Regno Unito ha lasciato il mercato unico dell’UE e l’unione doganale, le aziende hanno dovuto adattarsi a una serie di nuove misure che regolano il commercio transfrontaliero. L’impatto, inoltre, risulta essere più duro nei confronti delle piccole e medie imprese, le quali sono meno preparate ad affrontare questo genere di situazioni, a differenza delle multinazionali, le quali sono già strutturate per gestire le esportazioni fuori dai confini europei.

Nel Regolamento che istituisce la Riserva di adeguamento alla Brexit la Commissione europea all’articolo 5 ha suggerito una serie di misure che gli Stati Membri potrebbero applicare per contrastare le conseguenze negative della Brexit.

Si elencano di seguito le misure suggerite dalla Commissione Europea:

  • misure di sostegno alle imprese private e pubbliche, in particolare le PMI, ai lavoratori autonomi, alle comunità e alle organizzazioni locali che hanno subito ripercussioni negative a causa del recesso del Regno Unito dall’Unione;
  • misure di sostegno dei settori economici più duramente colpiti dal recesso del Regno Unito dall’Unione;
  • misure di sostegno alle imprese e alle comunità e organizzazioni regionali e locali, compresa la pesca costiera su piccola scala, dipendenti dalla pesca nelle acque del Regno Unito, nelle acque dei territori a statuto speciale o nelle acque soggette ad accordi di pesca con Stati costieri in cui le possibilità di pesca delle flotte dell’Unione sono state ridotte in seguito al recesso del Regno Unito dall’Unione;
  • misure di sostegno alla creazione e protezione di posti di lavoro, compresi posti di lavoro verdi, regimi di riduzione dell’orario lavorativo, riqualificazione professionale e formazione nei settori più duramente colpiti dal recesso del Regno Unito dall’Unione; 
  • misure volte a garantire il funzionamento dei controlli alle frontiere, doganali, sanitari e fitosanitari, di sicurezza e della pesca, nonché la riscossione delle imposte indirette, compresi il personale supplementare e la relativa formazione e le infrastrutture; 
  • misure volte ad agevolare regimi di certificazione e autorizzazione di prodotti, a fornire assistenza al fine di soddisfare i requisiti in materia di stabilimento, ad agevolare l’etichettatura e la marcatura, ad esempio in relazione alle norme di sicurezza, sanitarie e ambientali, e a fornire assistenza in materia di riconoscimento reciproco;
  • misure in materia di comunicazione, informazione e sensibilizzazione dei cittadini e delle imprese in merito alle modifiche dei loro diritti ed obblighi in conseguenza del recesso del Regno Unito dall’Unione;
  • misure volte a reintegrare i cittadini dell’Unione e le persone aventi il diritto di soggiornare nel territorio dell’Unione che hanno lasciato il Regno Unito a seguito del recesso del Regno Unito dall’Unione.

In questo contesto l’obiettivo del fondo è di mantenere la coesione economica, sociale e territoriale e fornire uno strumento di solidarietà per far fronte alla Brexit. L’importo assegnato all’Italia ammonta a circa 146 milioni di euro, dei quali sono stati già erogati due prime tranche per un totale di circa 80 milioni di euro, ed è gestito dall’agenzia per la coesione territoriale.

L’importo sarà un rimborso dei costi ammissibili sostenuti dalle imprese beneficiarie tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2023. L’agenzia per la coesione territoriale pubblicherà entro fine 2022 un avviso pubblico per l’erogazione di aiuti di stato alle imprese colpite dalla Brexit.

Fonte: https://export.gov.it/news-e-media/news/riserva-di-adeguamento-alla-brexit-scopri-di-piu

Per saperne di più: https://www.agenziacoesione.gov.it/bar/#:~:text=L%27importo%20provvisorio%20assegnato%20allo,7330%20del%2008%20ottobre%202021.&text=L%27uscita%20del%20Regno%20Unito,conseguenze%20sul%20mercato%20economico%20italiano.

Potrebbe Interessarti

Euroconsult al Go International

Euroconsult al Go International

EUROCONSULT ITALIA sarà presente al Go International, l’evento espositivo di riferimento per i servizi export che si terrà il prossimo 4 e 5 ottobre presso il Palazzo delle Stelline (Corso Magenta 61) a Milano. Go International, organizzata da Italian Fair Service e...

Bando ISI 2022

Bando ISI 2022

Con la pubblicazione dell’avviso del 1° Febbraio 2023, l’INAIL mette a disposizione 330 milioni di euro per le imprese che investono in salute e sicurezza sul lavoro. L’Avviso ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento...

Ministero del turismo: incentivi imprese turistiche FRI-Tur

Ministero del turismo: incentivi imprese turistiche FRI-Tur

FRI-Tur (Fondo rotativo imprese per il sostegno alle imprese e agli investimenti di sviluppo nel turismo) è l’incentivo che punta a migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale....

ALMA, il bando UE per i giovani neet

ALMA, il bando UE per i giovani neet

Grazie alle risorse del Fondo sociale europeo Plus (FSE+) 2021-2027, la call servirà a sostenere la preparazione e l’attuazione di ALMA – ‘Aim, Learn, Master, Achieve’: l’iniziativa, promossa dalla Commissione europea, per favorire la mobilità a livello...

Contattaci per maggiori informazioni

Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Euroconsult Soc Coop Italia
Sede di Enna

Via Roma n. 93 – 94100 Enna IT
tel / fax + 39 0935 22599
+ 39 333 1818674
+ 39 334 1275478

Sede di Shanghai

Room 312, 3th floor, Block 6, No. 631 Jiangning Road
Jing’an District
Shanghai – China
上海市静安区江宁路631号6号楼3楼312室

Seguici su
Email

info@euroconsultsicilia.eu